Come Affrontare una Separazione - Adriano Rossi - Sociologo

Strategie e tecniche per far tornare un ex
Vai ai contenuti

Come Affrontare una Separazione

ARGOMENTI > Crisi di Coppia

COME AFFRONTARE UNA SEPARAZIONE

 
Stai vivendo una fase molto complessa della tua vita perché il tuo partner ti ha chiesto la separazione?

L'impatto psicologico è quasi sempre devastante, soprattutto se è una separazione non voluta ma subita, uno vero e proprio tsunami che crea un caso emotivo molto intenso. Comprendere come affrontare una separazione nella maniera più corretta diventa fondamentale per elaborare il dolore e dare nuovo slancio alla propria vita.

Può essere preceduta da una serie di eventi premonitori o  può essere una tempesta improvvisa ma quando accade il caos emotivo che produce è sconvolgente. Per la prima volta si percepisce chiaramente sulla propria pelle la conseguenza della crisi di coppia che si stava vivendo. Quello che accade veramente è che durante la vita di coppia liti e discussioni possono esasperare gli animi, al punto da minacciare un'eventuale separazione che comunque viene vista solo come una minaccia sterile. Poi succede, e quando questo accade tutto cambia davvero.

È difficile individuare numeri esatti su quante coppie chiedono  una separazione, anche se può essere d'aiuto il report Istat che potete leggere cliccando su questo link:  Istat di richieste di separazione e divorzi in Italia.

Su questo articolo, che ti consiglio di leggere fino al termine, ci concentreremo sugli aspetti psicologici che fanno seguito alla separazione, su come agire per ridurre il disagio psico-fisico, su come superare la fine dell'amore e come recuperare in breve tempo la migliore forma psico-fisica.

Come gestire la separazione

 
La separazione rappresenta un trauma psicologico molto rilevante che non coinvolge solo il partner ma che include anche i figli.
 
Nella coppia la vita di ciascuno si plasma sull'altro, l'individuo fuori dalla coppia ha difficoltà a riconoscersi senza il partner e questo disagio è correlato alla durata della relazione. Gestire la separazione è tutt'altro che semplice, soprattutto quando uno dei due partner è ancora innamorato.
Ci sono uomini che lasciano il tetto famigliare non appena chiedono la separazione, altri che preferiscono restare, creando le condizioni per un lento addio. Pur consapevoli di non provare più nulla nei confronti della moglie, hanno a cuore il benessere psicologico dei figli ed anche della propria partner. Infine ci sono situazioni economiche che non permettono l'uscita di casa. In genere queste sono le situazioni più stressanti emotivamente, la convivenza produce solo falsi speranze e forti stress.

Ti ricordo che se puoi usufruire della mia assistenza, per maggiori informazioni clicca su questa pagina CONSULENZA

La prima reazione di fronte alla richiesta di separazione è l'incredulità. Non riuscendo ad elaborare una notizia del genere la mente semplicemente rifiuta che sia vera ed inizia ad elaborare una serie di pensieri per alleviare la forte tensione. Le frasi di circostanza sono piuttosto comuni:

  • e' un momento difficile per noi, vedrai che passerà
  • vuoi buttare all'aria tutto quello che abbiamo costruito insieme?
  • mi rendo conto di essere stata pesante e poco attenta, ti prometto che cambierò
  • vedrai che riflettendoci con calma cambierai idea

 
Probabilmente, se la tua coppia è in forte crisi ti riconoscerai nelle fresi descritte. All'iniziale incredulità lentamente fa posto la convinzione che lui faccia sul serio e la paura che tutto sia terribilmente vero aumenta. Ci sono uomini che sono disposti alla terapia di coppia pur di trovare una soluzione ma la maggior parte la rifiuta perché la ritiene inutile, dentro di se non prova più amore e l'unica soluzione possibile è la separazione.

 

Affrontare la separazione in modo corretto

 
Le prime reazioni alla richiesta di separarsi sono confusionarie, dettate dalla sorpresa e dalla paura di non poter affrontare la vita senza il partner. Si diventa troppo ansiosi, bisognosi d'amore e di rassicurazioni. prende il sopravvento. Spesso molti atteggiamenti possono essere racchiusi da un solo termine, "zerbinismo", e questo atteggiamento inevitabilmente  la situazione. Un marito, di fronte ad una moglie che non riconosce nel suo modo di agire,  si vede costretto ad assumere un ruolo ancora più deciso.  Come affrontare nel migliore dei modi la richiesta di separazione?

1. Accetta la richiesta di separazione perché non hai alternative,
 
Tuo  marito è arrivato a chiederti di mettere la parola fine al vostro rapporto non da un giorno all'altro, ci ha pensato tantissime di volte. Non è stata una scelta semplice, anche lui dovrà rimettersi in gioco, anche se indubbiamente già sa quale sarà la sua nuova strada e probabilmente la sua nuova partner. Inoltre ha preventivato le tue possibili reazioni, sapeva che avresti fatto di tutto per fargli cambiare idea, che lo avresti implorato di non buttare all'aria tutto quello costruito insieme. Allora, dopo aver lottato per fargli cambiare idea, arrenditi alla situazione ed accetta la separazione.

 
2. Smettere di farsi inutili sensi di colpa
 
Sembra quasi inevitabile che di fronte alla scelta di un marito di separarsi la maggior parte delle donne inizi a recitare il "mea culpa". Se fossi stata più attenta ai suoi bisogni, se avessi creato un clima più distensivo a casa, se mi fossi presa più cura di me e non fossi stata sempre concentrata sulla casa, i figli, il lavoro, non mi avrebbe mai lasciato. E' del tutto inutile recriminare sul passato, hai agito in una determinata maniera perché non ne conoscevi altre,hai agito seguendo le tue conoscenze ed i tuoi tanti impegni. in fondo chi ti sta lasciando è lui, tu non lo avresti mai fatto ed avresti lottato pur di trovare una soluzione ai vostri problemi.

 
3. Evitare di coinvolgere i figli
 
L'aspetto figli incide nella scelta di separarsi, molti comprendono l'enorme impatto emotivo che la separazione comporta su di essi. Questo elemento in genere può illudere l'altro partner che vede in questa resistenza a separarsi la voglia di restare insieme. Il vero problema è che la richiesta di separazione, quando la coppia non funziona più, prima o poi ci sarà lo stesso. Fai di tutto per non coinvolgere i figli nelle vostre discussioni, tienili fuori dall'enorme stress che state vivendo. Anche per loro sarà molto traumatico ed è fondamentale che i genitori creino le giuste condizioni affinché soffrano il meno possibile la conclusione del rapporto, anche grazie una pianificazione corretta su come gestirli una volta separati.

 
4. Liberarti dell'enorme peso emotivo
 
Chiunque affronti una separazione vorrebbe smettere di soffrire per amore e ricominciare a vivere ma è davvero dura. Si ha solo voglia di piangere, di non fare più nulla, quell'amara sensazione di aver visto sfumare all'improvviso tutto ciò che si è creato insieme nel tempo. E' frustrante e l'intensità emotiva può raggiungere picchi pericolosi. La prima cosa da fare è liberarsi di questo enorme peso, lasciare libero spazio alle emozioni e darsi la possibilità di piangere e sfogarsi. In aiuto ci saranno le migliori amiche di sempre, i propri famigliari, l'aiuto di uno psico terapeuta per i casi più complessi, ciò che conta è tirare tutto fuori, liberarsene, condividere il proprio dolore e non tenerselo dentro.

5. Inizia a pensare a te stessa
 
L'unica soluzione è ricominciare a vivere una nuova vita, consapevoli del proprio valore.
 
Iniziare è sempre complesso perché non si ha la più pallida idea da dove cominciare. Non ci si conosce al di fuori della coppia, non si ha ben chiaro ciò che si desidera, eppure la semplice decisione di riattivarsi mette in moto una serie di dinamiche capaci di sorprendere qualsiasi donna. Nel tempo, attraverso l'analisi di molti casi di crisi di coppia, ho verificato il ripetersi di questa situazione tipica. Quando la donna inizia a rimettere se stessa al centro, si libera delle proprie paure, inizia a fare cose nuove, quelle sempre rimandate, all'improvviso riattiva l'attenzione dell'ex marito, compagno o fidanzato.
 
Non solo, molte separazioni sono state annullate, quando tutto faceva supporre che la storia d'amore fosse finita per sempre. Tuttavia non è argomento di questo articolo, se vuoi approfondire questa tematica vai alla sezione del menu Argomenti - Come riconquistare.

Come superare la separazione

 

L'etimologia del termine "separare" evidenzia una sua sfumatura peculiare. Separare non significa solo dividere, la separazione ha la volontà o l'effetto di costituire due unità nuove, dotate di una certa autonomia. Ricostruirsi diventa quindi un imperativo dal quale non si può sfuggire. Dopo aver sofferto terribilmente la mente ha bisogno di nuove emozioni positive che vadano a sostituire quelle vecchie ed obsolete che da troppo tempo stano impattando notevolmente sulla propria autostima.

Per riuscirci nella maniera più corretta bisogna imparare a superare la separazione e riemergere più forti di prima. Ci sono delle regole ben precise che possono facilitare l'enorme dolore e stress derivanti dalla separazione.

  • Chiarire quali sono le condizioni della separazione
 
Questo elemento è molto importante perché molte donne lo sottovalutano volutamente nella fase iniziale. Non vogliono mostrarsi polemiche, sperano in un ripensamento da parte dell'ex marito o compagno, e tutto questo si riflette nella mancata fermezza nel momento che bisogna definire le condizioni della separazione. Elementi come la gestione dei figli, la gestione della casa, eventuali somme da percepire come mantenimento, devono essere definiti chiaramente, altrimenti le conseguenze future saranno molto pesanti.
 
  • Decidi i tuoi nuovi obiettivi
 
Spesso vogliamo ricominciare da zero, dentro di noi emerge il desiderio incombente di iniziare un percorso che riesca a superare la sofferenza, il dolore, i fallimenti affettivi  ma non sappiamo da dove iniziare. E' fondamentale avere nuovi obiettivi ed in genere ai miei lettori consiglio uno schema specifico che facilita il compito.
 
Prendi carta e penna, su un foglio descrivi gli obiettivi a breve termine e sull'altro quelli a lungo termine che vuoi raggiungere. Obiettivi a breve termine potrebbero essere, ad esempio, il rapido recupero psico-fisico, l'iscrizione a qualche corso (palestra, ballo, disegno, cucina, etc...), il rinnovamento del proprio look, la conoscenza di nuove persone. Soprattutto è fondamentale che tra questi obiettivi ci sia l'impegno quotidiano in un programma di self help o auto miglioramento. Io ne ho uno specifico che ha già aiutato tantissime donne e uomini in questa fase, in libreria ne troverai altri molto utili, quello che conta è la costanza nell'iniziare ad agire "amando se stesse". I  risultati saranno stupefacenti, malgrado molte  persone che iniziano questo percorso lo facciano con molto scetticismo.
 
Parliamo adesso di obiettivi a lungo termine, in questo caso devi liberarti di paure o ritenere che ciò che desideri sia irrealizzabile. Fallo anche come fosse un gioco ma elenca dettagliatamente ciò che vuoi nella tua vita tra più di un anno. Vuoi cambiare casa, lavoro, amici, ambiente? Scrivilo senza nessun timore. Vuoi perdere peso, sentirti più forte e sicura, sentirti amata? Nessuna paura, descrivi tutto ciò che vorresti realizzare. Completa ogni descrizione arricchendola con maggiori informazioni, ad esempio se voi cambiare lavoro descrivi che lavoro vorresti, in quale ambiente, come vorresti essere trattata.
 
Vivilo come un gioco ma ti consiglio di considerarlo molto seriamente perché funziona davvero se decidi di impegnarti. Leggi pure tutti i giorni i tuoi obiettivi, fissali bene nella mente e sarai sorpresa di ciò che sei capace di raggiungere. Se vuoi avere maggiori informazioni va alla sezione contatti sul menu di questo sito e ti darà maggiori indicazioni.

Conclusioni

 
Da più di 13 anni mi occupo di benessere, soprattutto quando bisogna superare grandi dolori nella propria vita. Il mio obiettivo, che faccio raggiungere in breve tempo a chi mi segue, è  comprendere come siamo molto di più di quello che riteniamo e che abbiamo dentro di noi risorse inaspettate che ci vengono in aiuto quando dobbiamo affrontare grandi dolori. Affrontare la separazione, soprattutto quando non voluta, è complesso, ci mette di fronte ad una realtà che non avremmo mai voluto vivere eppure da essa bisogna uscirne vincitori.
 
___________________________________
Copyright Adriano Rossi 2019 R.M. Media Di Rossi M. PI 02909760601

Dott. Adriano Rossi
___________________
PI 02909760601
Skipe Live
________________________
live:info_1057026
______________________________________
riconquistare un ex
Torna ai contenuti